Fondato nel 2000 Direttore Responsabile Giuseppe Maria Pisani                  
HomeArgomentiArchivioNewsletter gratuitaChi siamoI nostri serviziContattiSegnala il sito
 
Cerca nel sito
»www.ItaliaEstera.tv
»Paolo Gentiloni é il Ministro degli Esteri italiano
»Emigrazione: Note storiche per non dimenticare - Quanti sono gli italiani all'estero?
»Direzione Generale per gli Italiani all'Estero
»Rappresentanze Diplomatiche - in aggiornamento
»AIRE Anagrafe degli Italiani all'Estero
»Servizi Consolari per gli italiani all'estero
»Autocertificazione
»Patronati italiani all'estero
»Cittadinanza Italiana all'Estero
»Il voto degli italiani all’estero
»COMITES
»CGIE Consiglio Generale degli Italiani all'Estero
»Assessorati Regionali con Delega all'Emigrazione e all'Immigrazione
»IL PASSAPORTO ELETTRONICO
»Viaggi Usa, comunicare i dati in anticipo - Registrazione anche da turisti italiani
»STAMPA ITALIANA ALL'ESTERO: quanta, dove, quanti fondi, chi li prende
»LA CONVENZIONE ITALIA-STATI UNITI PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI FISCALI
»La convenzione Italia-Canada per evitare le doppie imposizioni fiscali
»Ascolta la radio di New York: ICN
RomaneapoliS
www.romaneapolis.tv


Il voto degli Italiani all'Estero

Elezioni Politiche 2008

Elezioni Politiche 2006


Infocity
Messaggero di sant'Antonio
Italiani d'Argentina
  
14 apr 2008VOTO ALL'ESTERO: Tremaglia all'estero denuncia le carenze applicative emerse anche in questa tornata elettorale.200mila non votano perchč i comuni non aggiornano gli indirizzi.

Il voto per corrispondenza deve essere modificato
ROMA, 14 APR  (Italia Estera) - Rischio brogli, poca segretezza del voto e troppi elettori che non hanno potuto votare: Mirko Tremaglia, padre della legge sul voto per gli italiani all'estero, denuncia le carenze applicative emerse anche in questa tornata elettorale. "Anche quest'anno (é la seconda volta che gli Italiani all'estero sono chiamati ad eleggere i propri rappresentanti nel Parlamento) circa 200.000 connazionali residenti all'estero ed aventi diritto al voto - sottolinea - non hanno potuto esercitare il loro diritto perché non hanno ricevuto il plico elettorale in quanto l'indirizzo era sbagliato". 
Disguidi, secondo Tremaglia, di responsabilità dei Comuni "che non hanno fatto le rettifiche dei dati dopo la precedente consultazione elettorale del 2006", ma anche del Ministero degli Interni, che non provvede nei confronti dei Comuni inadempienti.
 
Il secondo problema è la segretezza del voto, visto che le sanzioni penali previste dalla legge non vengono applicate. Per Tremaglia, pur mantenendo il voto per corrispondenza, è "indispensabile effettuare le operazioni di voto presso le Ambasciate, i Consolati, le Scuole o altri locali". Per quanto riguarda il primo problema, per l'esponente di An-Pdl, occorre "impegnare i Comuni alla verifica degli indirizzi". Quanto ai brogli, occorre "correggere la legge" per permettere che le operazioni di voto si svolgano in locali ad hoc. (Italia Estera).



 
Opzioni


Stampa  Stampa

Invia ad un Amico  Invia ad un Amico


Copyright Š Italia Estera 2001- 2014. Tutti i diritti riservati